La qualità italiana non si improvvisa.
Fare qualità in Italia è una scelta di vita.
Il nostro Made in Italy è paragonabile al petrolio, con una importante differenza, il petrolio un giorno finirà, ma la nostra maestria, il nostro ingegno, il nostro stile non finiranno mai.
Siamo fieri della Nostra Nazione e del nostro Made in Italy.

Made in Italy è . . .      a cura di Piero Evandri

Home  »  Tourism  »  Abruzzo Region  »  Charming and Relaxing  »  Sextantio - Albergo diffuso  -  Santo Stefano di Sessanio

Charme & relax

Abruzzo Region

»  Tourism  »  Sextantio Albergo Diffuso  »  Accommodations selected for you

SEXTANTIO  Albergo Diffuso
Via Principe Umberto
C.a.p.  67020  Santo Stefano di Sessanio AQ - Abruzzo Region - Italy

 

Tel: +39 0862 899112

Website:  www.sextantio.it   -   FaceBook   -   G.p.s.  lat.  42° 20' 37,58'' N  /  lon. 13° 38' 38,44'' E

Il paesaggio immaginario

L’anima più vera di questi luoghi.

 

S. Stefano di Sessanio è un borgo medioevale fortificato edificato tra le montagne dell’Abruzzo ad oltre 1250 metri di altitudine, all’interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.

L’attuale configurazione urbana del borgo si costituisce in pieno Medioevo quando si sviluppa il fenomeno dell’incastellamento: un paesaggio insediamentale caratterizzato da abitati d’altura, circondati da un perimetro murario fortificato che restano ancor oggi uno degli elementi storico-topografici maggiormente caratterizzanti l’immaginario del paesaggio italiano.

 

L’integrità tra territorio e costruito storico si è conservata residualmente in alcuni borghi incastellati della montagna appenninica proprio a causa del loro spopolamento, nel più generale contesto di depauperamento del meridione, abbandono della montagna ed emigrazione delle sue genti."L'integrità del patrimonio paesaggistico di questi borghi storici della montagna d'Abruzzo."

 

Daniele Kihlgren

Tracce di vissuto povero sedimentate negli intonaci del costruito.

 

La riproposizione delle tradizioni locali si spinge fino a contemplare i particolari più minuti, gli asciugamani, i materassi di lana, le lenzuola provenienti dai crolli nuziali, le coperte fatte a mano con i telai in legno e i colori naturali. Il progetto nella sua parte privata prevede la conservazione delle destinazioni d'uso dell'originaria organizzazione domestica.

Il progetto di recupero e ridestinazione ricettiva di S.Stefano di Sessanio (albergo diffuso) ha introdotto inedite procedure per conservare l’integrità di questo borgo storico e del paesaggio circostante mediante specifici accordi con gli enti territoriali (Comune/ Parco Nazionale). L’obiettivo finale è che, almeno in questo caso, la ridestinazione turistica non comporti inevitabilmente la perdita delle identità territoriali.

Il progetto nella sua parte privata prevede la conservazione delle destinazioni d’uso dell’originaria organizzazione domestica, l’occultamento degli impianti e della tecnologia, l’uso esclusivo di materiale architettonico di recupero, l’uso esclusivo dell’arredamento povero della montagna abruzzese.

 

Questo approccio di tutela si spinge fino alla conservazione di quelle tracce del vissuto, e del vissuto povero, sedimentate negli intonaci e nelle stratificazioni del costruito, per preservare, nei segni di sofferenza del tempo, nelle tracce di un vissuto antico, l’anima più profonda e autentica di questi luoghi.

Imaginary landscape

Memories of a simple life.

 

Santo Stefano di Sessanio is a fortified medieval village. It is located in the mountains of Abruzzo at 1250 meters above sea level, inside the Gran Sasso and Monti della Laga national park.

 

The village is a classic example of an Italian medieval hill town, with perimeter walls encircling houses and squares. During the last century the “modernisation” of rural Italy compromised the architectural heritage of many of its countryside villages and towns.

 

But Santo Stefano, like many more remote Mediterranean mountain villages, was deserted when its impoverished inhabitants left in search of work. Paradoxically, the abandonment saved the town from architectural abuse."Historic hill towns are an essential part of the landscape of Abruzzo."

 

Daniele Kihlgren

 

 

Traces of peasant life preserved in the walls of the building.

 

Traditional handcrafts are reflected in the detail: natural colours, woolen mattresses; cribs and handmade bedspreads woven on traditional looms. The restoration involves the retention of the original use of the domestic buildings.

 

The project to conserve and revive Santo Stefano as an “albergo diffuso” involved a detailed plan to preserve the integrity of the village and its surrounding landscape. Working alongside local organizations such as the town mayor and the national park, we proposed special laws to prohibit any new construction. Our aim was to bring the village back to life and to welcome tourists,but without sacrificing Santo Stefano’s identity.

 

To retain Santo Stefano’s local character all modern technology is hidden.

We searched out original architectural materials, and our furniture and textiles are authentic items from the Abruzzo mountains.

 

We have preserved traces of bygone countryside life in the fabric of the buildings - symbols of hardship which evoke the spirit of ancient rural life.

SEXTANTIO  Albergo Diffuso
Via Principe Umberto
C.a.p.  67020  Santo Stefano di Sessanio AQ - Abruzzo Region - Italy

 

Tel: +39 0862 899112

Website:  www.sextantio.it   -   FaceBook   -   G.p.s.  lat.  42° 20' 37,58'' N  /  lon. 13° 38' 38,44'' E

Scegli i nostri canali della Qualità Made in Italy  -  Choose our channels of the Made in Italy Quality